Un Weekend a Bologna

Un Weekend a BolognaSe stai pianificando un week end a Bologna puoi dimenticare l'ombrello, ma metti in valigia delle scarpe comode! La città non è una metropoli, ma il modo migliore per assaporare fino in fondo il suo spirito camaleontico è quello di perdersi sotto ai portici con la testa rivolta verso l'alto a seguire i fregi, i decori, i profumi, la musica e le sorprese inaspettate.

Bologna grazie alla sua lunga tradizione universitaria ha mille identità e altrettanti segreti che la rendono affascinante anche a chi la conosce da sempre: per questo ha tantissimi turisti affezionati che spesso tornano appena possono.

Abbiamo cercato di tracciare un piccolo elenco di posti da vedere assolutamente, non troppo convenzionali, augurandoci che possa esserti utile a scoprire il fascino questa antica città medievale in continua evoluzione.

GIORNO UNO:
Partite dalle TORRI, ti sarà utile a comprendere l'identità di Bologna in epoca comunale e la grande bellezza di questa insolita città. Garisenda (48,16 m) e Asinelli (97,2 m) sono le più popolari e ardite delle 20 torri di epoca medievale ancora conservate. Proprio alle spalle di questi due simboli della città si dirama una raggiera di vie su cui si susseguono splendidi palazzi medievali tutti naturalmente muniti di portici.

Imboccando Strada Maggiore al n° 19 la tua attenzione verrà sicuramente colpita dallo splendido portico ligneo di Casa Isolani, uno dei pochi edifici magnificamente conservati della città duecentesca.

Dovrai aguzzare la vista a caccia delle tre frecce conficcate nel soffitto ligneo del portico, la vicenda che indusse in fallo il maldestro arciere è avvolta nella leggenda.

Da Strada Maggiore potrai fare una piccola deviazione proprio attraverso corte Isolani per raggiungere la più suggestiva piazza della città: PIAZZA SANTO STEFANO.

Costruita su imitazione del tempio di Gerusalemme è oggi un piccolo scrigno prezioso di antichi palazzi, con la splendida Facciata di Santo Stefano identificata più facilmente dai locali col nome di “ Le Sette Chiese”. In questa piazza si ha la sensazione che tutto sia prezioso, e che il tempo si sia fermato immobile per secoli.

Dopo la visita obbligatoria delle Sette chiese prenditi un attimo per sederti a contemplare la piazza asimmetrica in un angolo tra i palazzi delle più antiche famiglie senatorie.

Non appena sarai pago dello spettacolo, con la Basilica alle spalle, segui il profilo della piazza costeggiando il portico a sinistra, non farti distrarre dal pavimento un po' difficile da percorrere e tieni gli occhi rivolti verso l'alto su Palazzo Bolognini Amorini Salina. Non lasciare che il solo volto del demone catturi la tua attenzione, ma soffermati ad apprezzare la ricchezza dei fregi sui capitelli e la piacevole cura nella definizione dei volti in terracotta che sembrano osservarti.

Abbandonata la piazza ti converrà addentrarti nel “Quadrilatero”, nome con cui i bolognesi sono soliti chiamare un'area compresa fra Piazza Maggiore, Via Castiglione, Via Farini e Piazza Galvani. L'antica zona di commerci ti terrà impegnato il tempo sufficiente per trovare il posto giusto in cui mangiare tra antiche botteghe di salumi e il coloratissimo mercato.

Proprio all'interno del Quadrilatero, in via Clavature c'è l'ingresso della chiesa di Santa Maria della Vita, nella cappella a destra dell'altare è conservato uno dei capolavori di Niccolò dell'Arca: il Compianto su Cristo Morto. Questo espressivo e commovente il consesso di figure in terracotta è forse uno dei tesori più preziosi della città. Prosegui la visita verso Piazza Maggiore dove la sesta più grande chiesa del mondo cristiano, San Petronio, con la sua facciata non finita fregiata da sculture di Jacopo della Quercia, ti inviterà ad entrare. Al suo interno troverai la famosissima Meridiana e opere di grande valore artistico tra cui il ciclo di affreschi quattrocenteschi di Giovanni da Modena raffiguranti il Viaggio dei Re Magi, scene della vita di San Petronio, il Paradiso e L'inferno.

All'uscita, ti consigliamo di percorrere il Pavaglione, lungo portico che racchiudeva le antiche aule universitarie, fino al Museo Archeologico e all'Archiginnasio, tappa obbligatoria perché significativa della tradizione universitaria della città.

Si sarà fatta la giusta ora per prendere il montacarichi dietro l'abside di San Petronio, salire sino alla Terrazza di San Petronio e godere della vista panoramica di tutta la città, nella luce rosea del tramonto che inizia a colorare le colline di blu, sospirando per lo spettacolo di tutto ed edifici in cotto fatti brillare dal sole calante chiuderai la tua escursione nel mondo più piacevole.

GIORNO DUE:
Una volta riempita la pancia al ricco buffet della sala colazione dell'Hotel Maggiore Bologna il secondo giorno di visita potrebbe esser speso con una gita tra i colli attorno alla città, se hai a disposizione la macchina ti consigliamo una gita sulle splendide strade del nostro Appennino verso la Rocchetta Mattei (attenzione meglio prenotare per tempo).

Tra le colline di Grizzana Morandi e Riola si stagliano le bizzarre torri di questa eccentrica architettura.

La visita guidata dei volontari ti terrà avvinto dallo stupore fino all'uscita.

Poco distante dalla Rocchetta meno di un chilometro è obbligatoria una sosta alla splendida Chiesa di Santa Maria Assunta progettata da noto architetto finlandese Alvar Aalto nel 1966.

Se invece non vuoi allontanarti dal centro, c’è la possibilità di vivere un’altra esperienza 100% bolognese: salire a piedi lungo il portico che dal Meloncello, vicino allo Stadio, porta alla Basilica di San Luca.

Non importa come sarà il tempo e a che ora ci andrai, sarai coperto dai portici illuminati di notte e sarai in compagnia di molti locali che salgono per tenersi in allenamento e per tradizione fino alla Madonna di San Luca, una delle rare madonne nere.

Kid Pass
Hotel Maggiore è Bologna
Albergabici
DogTourist
Pet Friendly

Hotel Maggiore Bologna

I nostri social

Bologna come a casa, il blog di Hotel Maggiore

Registrati

Accettazione privacy


Hotel Maggiore - Via Emilia Ponente 62/3 - 40133 - Bologna (BO) - Telefono: +39 051.381634 - WhatsApp: +39 393.9454725 - Partita IVA: 03493700375
Sito realizzato da edysma in conformità agli standards di accessibilità del W3C HTML5 e di Responsive Web Design (RWD)